Diario di viaggio Verona/Kerpen

Ci siamo trovati alle 9 alla stazione di Verona Porta Nuova, dove abbiamo preso il treno e siamo arrivati a Monaco per fare un cambio, qui ci siamo rimasti 1 oretta per poi prendere un secondo treno che ci ha fatti arrivare a Colonia alle 20.

Ritrovo alla Caffetteria della Scuola e compilazione di una scheda con il nostro partner. Abbiamo poi fatto una lezione di italiano con il prof. Rizza e verso le 10 abbiamo preso il bus che ci ha condotti al binario da cui, poi, abbiamo preso il treno per recarci a Colonia. Arrivati alla Stazione di Colonia abbiamo subito visto il Duomo dall’esterno, per poi salire i 533 gradini ed ammirare la città dall’alto, non solo gli scalini ci hanno tolto il fiato ma anche la meravigliosa vista. Successivamente è stata organizzata una caccia al tesoro divisi in gruppi, con i nostri partner. Verso le 12:30 ci siamo nuovamente divisi per la pausa pranzo e del tempo libero, da passare in compagnia con un giro della città o l’acquisto di ricordi come magneti o regalini.

Ci siamo ritrovati tutti davanti al Duomo e con i nostri partner abbiamo deciso se rimanere nel centro di Colonia o svolgere un’altra attività tornando a Kerpen.

Il secondo giorno ci siamo trovati alla stazione di Horrem e abbiamo preso il treno per Bonn, siamo arrivati alle ore 9.00, qui a Bonn abbiamo visitato per prima cosa il museo della storia della BRD, uno dei musei più visitati in Germania con un numero enorme di opere e oggetti esposti, con una visita guidata in Tedesco, tradotto dalle nostre professoresse in Italiano. Qui abbiamo assistito alla storia tedesca dal 1945 ad oggi. Il museo offre la possibilità di fare delle attività come ascoltare e guardare video o entrate negli aerei o bar risalenti al passato, è stata un’esperienza che ci ha coinvolto molto e soprattutto ci ha insegnato la storia della Germania in modo più interessante. Alle ore 12 siamo andati nel centro di Bonn, siamo entrati nel negozio della Haribo, le caramelle fanno parte della storia di Bonn in quanto la ricetta è nata in un piccolo quartiere della città, e dopo ci siamo divisi per andare a pranzare. Ci siamo poi ritrovati alle 14.00 davanti al vecchio municipio della città, un palazzo in stile barocco, per poi dirigerci verso la stazione e prendere il treno di ritorno.

Il terzo giorno abbiamo visitato la città di Aachen, città molto importante per la Germania grazie alle sue sorgenti di acqua calda termale. Siamo stati accolti da una guida turistica che si è presentata con degli Aachener Printen, dei dolci tipici del posto. In seguito ci è stata illustrata la storia della città, di origine romana. Inizialmente appunto era molto sfruttata per le sue acque terapeutiche. Dopo abbiamo seguito la guida nella visita di alcune fontane e statue della città, la prima rappresentava il ciclo del denaro nel corso della vita dell’uomo mentre la seconda rappresentava dei burattini dinamici dati al divertimento dei bambini che passano per di lì. Infine siamo entrati a visitare la cattedrale di santa Maria, sede del vescovo della diocesi omonima. In particolare abbiamo visitato la sala del trono, dotata di vetrina con scettro, corona e spada dell’imperatore.

L’ultimo giorno ci siamo ritrovati a scuola per le 8 (orario di inizio delle lezioni), dopo una breve spiegazione ci siamo divisi e con i nostri partner siamo andati nelle loro rispettive classi per seguire le lezioni al loro fianco. Abbiamo inoltre notato l’enorme differenza nel modo di svolgere le lezioni rispetto all’Italia. Dopo le prime due lezioni di 90 minuti con una pausa di 20 minuti tra l’una e l’altra ci siamo ritrovati con i nostri compagni per svolgere l’attività programmata: Waffeln-Backen. La preparazione e l’assaggio degli Waffle, è stato un momento molto divertente che ci ha coinvolti tutti, dalla farina che volava ai tantissimi waffle sfornati, siamo stati tutti uniti, anche con ragazzi con cui non avevamo mai parlato. Successivamente ci siamo nuovamente divisi ed alcuni di noi hanno partecipato ad una lezione di italiano, altri invece, hanno partecipato alla lezione dei loro Partner. Abbiamo concluso la giornata tornando a casa verso le 16. La sera molti hanno partecipato ad una festa organizzata da un ragazzo tedesco, altri sono andati al Bowling.

Siamo partiti dalla stazione di Colonia, dove dal treno abbiamo salutato i nostri partner, alcuni di noi anche con le lacrime. Come all’andata abbiamo cambiato treno a Monaco. Il ritorno è stato più movimentato rispetto all’andata in quanto, per colpa di alcuni lavori sulla tratta Bolzano- Verona, siamo dovuti scendere a Bolzano e abbiamo dovuto prendere un autobus che ci ha portati in stazione Porta Nuova. è stato un viaggio lungo, triste e sembrava non finire mai, siamo arrivati a Verona sfiniti ma con una bellissima esperienza alle spalle e soprattutto con nuovi amici.

A cura di Anna Seghetti, Maria Pasquali, Luca Crea.

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Altri articoli

Guida turistica per un giorno

Il 18 aprile, il nostro Istituto Lorgna-Pindemonte ha avuto l’opportunità di accogliere alcuni studenti tedeschi per uno scambio culturale con una classe della scuola