Scambio linguistico parte 2: Kerpen/Verona

La settimana a Verona: cosa abbiamo mostrato ai nostri ospiti?

Nel corso del nostro scambio culturale abbiamo visitato Bardolino, Lazise, Verona, Venezia e Ferrara. 

Il primo giorno, il 18/04, siamo andati a Bardolino, come prima tappa ci siamo recati al “Museo del Vino e Cantina”, dove una guida tedesca ci ha spiegato come si produce il vino. Finito il racconto ci hanno preparato un buffet di brioches, taralli, acqua e succo. Alle 13:00 abbiamo pranzato sulla riva del lago e poi abbiamo accompagnato i nostri partner tedeschi a comprare alcuni souvenir.  Nel pomeriggio, attraverso la fantastica pista ciclo pedonale, abbiamo raggiunto Lazise.  Infine abbiamo preso l’autobus di ritorno per andare a Sona, dove abbiamo gustato un tipico aperitivo veneto, facendo provare l’esperienza anche ai nostri partner tedeschi.

Il secondo giorno abbiamo accompagnato i nostri partner tedeschi alla scoperta di Verona, dopo avergli fatto visitare la nostra scuola Lorgna-Pindemonte.  Ci siamo diretti verso Piazza Bra dove abbiamo visitato l’interno dell’Arena, poi siamo andati attraverso Via Mazzini, raggiungendo così Via Cappello, dove abbiamo visitato la casa e il balcone di Giulietta. Nel pomeriggio siamo andati in Piazza Erbe e Piazza dei Signori. Infine siamo andati sulle Torricelle, per ammirare Verona dall’alto.

La terza uscita che abbiamo fatto è stata nella magnifica Venezia. Ci siamo trovati tutti nella Stazione di Verona per prendere il treno insieme. Arrivati a Venezia abbiamo percorso le varie viette tipiche, attraversando i vari ponti della città, per raggiungere un punto da dove abbiamo preso la gondola, per attraversare Canal Grande. Abbiamo fatto provare quindi l’esperienza più imperdibile di Venezia: il famoso giro in gondola. Dopo abbiamo fatto pausa pranzo, mangiando nei luoghi tipici di Venezia, con una bellissima vista sui canali. Durante il pomeriggio siamo andati a visitare i luoghi più importanti di Venezia, da non perdere assolutamente, tra cui Piazza San Marco, la Basilica di San Marco, il Campanile di San Marco e il ponte di Rialto. Verso tardo pomeriggio abbiamo raggiunto la Stazione di Venezia per tornare a Verona, concludendo così la magnifica visita a Venezia, dove abbiamo condiviso tutti una bellissima giornata insieme.

L’ultimo giorno abbiamo visitato l’Abbazia di Pomposa e Ferrara. Pomposa è un’antica abbazia benedettina ed è un capolavoro dell’architettura romanica. Di particolare rilievo sono la basilica, gli edifici monastici e il suo campanile, oltre agli affreschi trecenteschi. Accanto alla chiesa si erge il campanile alto 48 metri. Nel pomeriggio abbiamo invece fatto una passeggiata nella suggestiva Ferrara e visitato il Ghetto Ebraico, questo è stato istituito con un editto del Cardinale Cennini del 23 agosto 1624 in una delle zone più antiche della città, il Castello Estense, il quale è un castello di famiglia d’Este, e il Duomo, è una chiesa cattolica romana, è la chiesa madre dell’Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio e l’edificio religioso più grande della città.

Giulia Gobbi, Camilla Rossato, Chiara Turrini

Esperienza in famiglia e visita della nostra scuola

La seconda parte del nostro scambio è iniziata il 17 aprile, i nostri compagni tedeschi sono arrivati in stazione a Verona alle 19:00. Fra abbracci e qualche lacrima ci siamo diretti ognuno verso la propria casa, dove sono avvenute le presentazioni di genitori, fratelli e parenti. 

La prima sera l’abbiamo passata tutti con le nostre famiglie e, per la stanchezza del viaggio e le sistemazioni, non abbiamo fatto molto. I giorni seguenti invece, nonostante le uscite che facevamo finissero tardi, ci siamo trovati sia con il gruppo, per andare a mangiare qualcosa sia fra di noi, sia con le famiglie. Non abbiamo passato molto tempo a casa o in famiglia, infatti tutti abbiamo preferito uscire per far conoscere ai nostri compagni il nostro Paese, così che loro capissero la nostra realtà, che è ben diversa dalla loro: la scuola, le uscite in centro, lo shopping in una delle vie più famose di Verona e la nostra cultura.  Confrontandomi con i miei compagni ho notato che per alcuni l’esperienza è stata più gradevole e divertente, in quanto si sono trovati bene in famiglia, hanno legato con i fratelli e sono riusciti a sentirsi parte della famiglia, mentre altri hanno avuto un po’ di divergenze di opinioni con il proprio partner, ma nonostante questo, l’esperienza è servita a tutti per crescere e maturare e, per chi non si è trovato bene, è servita anche per accettare delle situazioni in cui non ci si trova bene, che in futuro potrebbero capitare nuovamente in contesti diversi. 

Mercoledì ci siamo trovati nell’Aula Sanmicheliana della nostra scuola per una colazione condivisa, composta da ciò che ognuno aveva portato da casa. Dopo una breve introduzione della scuola in tedesco, fatta da noi ragazzi italiani, ci siamo spostati in Presidenza per l’accoglienza da parte della preside e una breve presentazione dei ragazzi e ragazze tedesche. Successivamente, dopo una visita più dettagliata della scuola, abbiamo accompagnato i nostri partner nelle rispettive classi assegnate il mattino stesso dai nostri insegnanti. Hanno svolto due lezioni in diverse classi, principalmente di lingua, per poi ritrovarci tutti insieme nel cortile interno al termine della seconda ricreazione.

La Dirigente scolastica con i docenti accompagnatori

Molti ragazzi sono rimasti stupiti, sia in senso negativo, sia in senso positivo, da come è strutturata la nostra scuola e l’orario scolastico.  La loro scuola, il Gymnasium, offre la possibilità ai ragazzi di scegliere le materie da frequentare, oltre a quelle obbligatorie, oltre a numerosi corsi extra ed attività sportive come nuoto, tennis, basket, pallavolo e calcio; infatti la loro giornata scolastica finisce per le 16:00/17:00 del pomeriggio. Mentre il Lorgna-Pindemonte permette ai ragazzi del secondo anno di scegliere il loro futuro indirizzo per i tre anni successivi. Le scelte sono: turismo, AFM e SIA.  L’attività sportiva è compresa nelle lezioni della giornata scolastica, in quanto il termine delle lezioni è previsto per le 13:35 o 14:20.

Nonostante ciò è stato bello e divertente potersi confrontare con i propri compagni riguardo le differenze delle relative scuole.

Luca Crea, Anna Seghetti, Maria Pasquali

Leggi anche Diario di viaggio Verona/kerpen e In diretta dallo scambio linguistico in Germania

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Altri articoli

Un saluto speciale dalla 5G

Pubblichiamo la lettera che gli studenti e le studentesse della 5G hanno scritto ai loro docenti alla vigilia dell’Esame di Stato. Scrivere una lettera

Maturità

The anxiety for the final exams, known as “maturità,” is a common feeling among Italian students, who see this exam as a crucial turning

Il gender pay gap

Il gender pay gap, o divario retributivo di genere, rappresenta una sfida cruciale che continua a influenzare le società in tutto il mondo. Questa